Le news di Zadig

Chiarezza su Stamina: in arrivo l'e-book
31 marzo 2014

Si avvia alla conclusione il progetto Chiarezza su Stamina, lanciato a dicembre 2013 (vedi la pagina dedicata al progetto sul sito Scienzainrete), che prevedeva una raccolta fondi, conclusa a febbraio 2014, per la realizzazione di un e-book - di cui Zadig è l'editore - sui molti aspetti poco chiari della vicenda Stamina.
Nei due mesi previsti per la raccolta fondi, sono stati raccolti poco più di 3.000 euro, che hanno consentito di avviare il progetto. Ora il libro sta percorrendo gli ultimi passaggi della catena editoriale e sarà presto ultimato.
Gli autori, Antonino Michienzi e Roberta Villa, lo presentano così: "Nel libro non troverete la storia definitiva su Stamina. Leggerete invece di come il caso Stamina sia uno dei fili di una tela molto più ampia in cui il business si intreccia con la scienza e con la sofferenza di migliaia di malati. Leggerete della promessa delle staminali e di come la corsa a un loro immediato utilizzo rischi di bruciare il loro potenziale. Per questo non potevamo che intitolarlo Acqua sporca. Cosa rischiamo di buttar via insieme al caso Stamina".

Un riconoscimento europeo per La mia voce
24 marzo 2014

La prima App realizzata da Zadig, La mia voce, è stata recensita da gruppi di pazienti, operatori sanitari e consumers europei e inserita nel sito myhealthapps.net.
La App ha ricevuto una valutazione di 4,5 su 5.
La mia voce è uno strumento di comunicazione assistita studiato per chi si trova senza voce o con difficoltà a parlare, per esempio a causa di un tumore della testa o del collo (vedi la pagina dedicata).

La ricerca italiana in Europa: una sfida da vincere
04 febbraio 2014

L'11 febbraio, presso il Consiglio nazionale delle ricerche si danno appuntamento testimoni e protagonisti della ricerca italiana per cercare di rispondere alla domanda: è pronto il sistema della ricerca nazionale a cogliere la sfida del nuovo programma comunitario Horizon 2020? Quali sono stati i risultati italiani nel precedente programma quadro e quali lezioni si possono trarre per il futuro?

La riflessione prenderà il via dalla presentazione di una serie di statistiche e valutazioni elaborate dal portale Scienceonthenet.eu (che viene presentato ufficialmente in questa sede), per ragionare insieme su opportunità e limiti del nostro sistema di ricerca e innovazione.

L'incontro, sotto l'egida del Gruppo 2003, del CNR e del MIUR, vuole rappresentare una sorta di stati generali della ricerca italiana, in cui si invitano a un confronto giovani ricercatori di punta, rettori, rappresentanti degli enti più performanti nell'ambito del settimo programma quadro, politici e stakeholder più significativi.
Iscrizioni: all’indirizzo

Workshop La ricerca italiana in Europa: una sfida da vincere

martedì 11 febbraio 2014, dalle 9 alle 13.30

Consiglio Nazionale delle Ricerche - Aula Convegni - via dei Marrucini (di fianco all’entrata principale in piazzale Aldo Moro 7), Roma

Per vedere il programma, clicca qui.

La partecipazione è gratuita, ma è obbligatoria l'iscrizione. Per iscriverti, compila il modulo che si trova in questa pagina.

Come funziona un trial clinico? ECRAN lo spiega giocando
20 gennaio 2014

Sono disponibili per il download le app di ECRAN Lab e ECRAN Maze, i serious games del progetto europeo ECRAN (European Communication Research Awareness Needs), finalizzato a migliorare l'informazione sugli studi clinici, che vede Zadig come partner per l'attività di comunicazione e disseminazione.

Dei due giochi - i nuovi prodotti multimediali di ECRAN dopo il film di animazione "Clinical Research" - uno simula le fasi di preparazione dei nuovi farmaci e dei test necessari per stabilire la loro sicurezza ed efficacia, l'altro guida il giocatore passo dopo passo attraverso il "labirinto del sapere", fino raggiungere una migliore consapevolezza sugli studi clinici. Il design può risultare familiare agli esperti e appassionati di giochi più tradizionali...

I giochi sono stati sviluppati dal team di Alfacloud ed è possibile scaricarli dai più popolari market di app per dispositivi mobili, Android, Apple e Windows.

I link agli store e i QR-Code sono disponibili nella pagina dedicata del sito ECRAN.

Zadig cerca un programmatore web
13 gennaio 2014

Zadig sta cercando un programmatore web che collabori a una nuova release della piattaforma tecnologica della formazione a distanza. Si tratta di realizzare moduli che andranno ad agganciarsi su una web application scritta in php.

C'è interesse anche per la creazione di app Android e iOS che si possano interfacciare con la web application.

Le competenze richieste sono le seguenti.
Conoscenza "in autonomia" di:

  • mysql 5+
  • php 5+
  • html 4
  • javascript (ECMA) e Ajax senza l'uso di jQuery o altri framework
  • specifiche W3C
  • css

Conoscenze preferenziali:

  • Html 5
  • programmazione di grafica vettoriale (svg)
  • sviluppo collaborativo via subversion

I progetti andranno sviluppati in piattaforme AMP, con deployment in LAMP. È richiesta come minimo la W3C-compliance.

Si offre una collaborazione, anche a progetto, per un impegno part-time in telelavoro con disponibilità a riunioni saltuarie a Milano.

Se interessati, si prega di inviare un CV in formato europeo entro il 15 febbraio 2014 all'indirizzo: segreteria [at] zadig [dot] it

Home
Parte il progetto Chiarezza su Stamina
19 dicembre 2013

Chiarezza su Stamina è un progetto di giornalismo finanziato dai lettori, di cui Zadig sarà editore. Due giornalisti - Roberta Villa e Antonino Michienzi - cercheranno di fare chiarezza sui punti oscuri della vicenda attraverso la realizzazione di un'inchiesta che sarà diffusa gratuitamente come e-book sui principali store e, in versione adatta alla stampa, su una pagina dedicata del sito Scienzainrete, promotore dell’iniziativa. Si tratta di un progetto di cofinanziamento innovativo, con pochi precedenti in Italia, che cerca di rispondere alla richiesta di chiarezza che viene dal pubblico: l’editore Zadig si farà carico dei costi di produzione e di diffusione, mentre le risorse raccolte con il crowdfunding saranno utilizzate come compenso per i giornalisti.

Su proposta di Zadig, di cui è stato socio, questo progetto è anche l'occasione per ricordare Romeo Bassoli, giornalista scientifico recentemente scomparso. Fino alla fine Romeo ha ricordato i valori di un atteggiamento razionale, coscientemente critico, soprattutto quando ci si confronta con la morte. Senza per questo perdere in umanità. Pensiamo quindi che avrebbe approvato questo tentativo di trovare un nuovo modo per sostenere il giornalismo d’inchiesta, reso difficile in Italia dalle condizioni del mercato editoriale.

Per contribuire al finanziamento del progetto, clicca qui.

Se la soglia di finanziamento stabilita non sarà raggiunta, e i giornalisti incaricati non potranno dedicare a questa impresa tutto il tempo previsto, su Scienzainrete sarà comunque pubblicato tutto il materiale raccolto. Se, al contrario, la soglia sarà superata, il ricavato eccedente sarà impiegato per diffondere il libro a un pubblico più ampio possibile (con la realizzazione di eventi di presentazione, la stampa di volumi da distribuire ad associazione dei malati, la produzione di aggiornamenti sulla vicenda Stamina).
Tutte le fasi del progetto saranno documentate con la massima trasparenza.

Per avere maggiori informazioni o materiale divulgativo per diffondere l'iniziativa, scrivere a Roberta Villa.

Per visitare la pagina Facebook del progetto Chiarezza su Stamina, clicca qui.

Un nuovo modello di HTA
09 dicembre 2013

L'Health Technology Assessment (HTA) in oncologia e le reti oncologiche regionali in Italia sono stati recentemente al centro di un convegno che si è tenuto a Milano il 26 novembre.

Il convegno, promosso dalla Rete Oncologica Lombarda (ROL) in collaborazione con Accademia Nazionale di Medicina, aveva come obiettivi strategici la definizione - sulla base delle diverse esperienze - di un modello potenzialmente nuovo e più concreto di HTA e la promozione di una sorta di patto condiviso tra le esigenze dell’oncologia clinica (in rete) e quelle della sostenibilità per quanto riguarda il settore dei nuovi farmaci oncologici.

Roberto Satolli di Zadig ha partecipato al convegno come relatore, con una presentazione dedicata al tema del problema etico dei costi per il medico.

Guarda il programma del convegno e la presentazione di Roberto Satolli.

Focus sul coinvolgimento dei cittadini in sanità
05 dicembre 2013

Si è tenuto il 13 novembre 2013, presso l'IRCCS-Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, il convegno "Da PartecipaSalute alle Giurie dei cittadini: cosa sta cambiando nel coinvolgimento dei cittadini in sanità", che ha analizzato situazione ed esperienze significative nell'ambito del coinvolgimento e della partecipazione dei cittadini in sanità.
Roberto Satolli di Zadig ha partecipato come relatore con un intervento dal titolo "Giurie dei cittadini: un metodo di empowerment di comunità".
Nel corso del convegno è stato proiettato il film d'animazione “La ricerca clinica riguarda anche te: vuoi saperne di più?”, realizzato nell'ambito del progetto europeo ECRAN (European Communication Research Awareness Needs), a cui Zadig partecipa per sviluppare il sito internet e il piano di comunicazione.

Guarda il programma del convegno e la presentazione di Roberto Satolli.

Guarda il film di animazione del progetto ECRAN.

Zadig cerca un assistente per il Project Management di progetti europei
23 novembre 2013

Per la sede di Milano, Zadig sta cercando un assistente part-time per gestire la parte amministrativa e risorse umane dei progetti europei.

Le principali competenze richieste sono:

  • ottima conoscenza della lingua inglese, parlata e scritta (livello C1)
  • disinvoltura nell'utilizzo di strumenti software e web 2.0 inerenti le proprie mansioni e interesse per la ricerca di nuovi
  • competenze grafiche di base (per impaginare documenti di testo e presentazioni)
  • esperienza di gestione amministrativa di un progetto.

Per vedere il profilo completo, cliccare qui.

Se interessati, inviare il CV e una lettera di motivazione entro il 10 dicembre all'indirizzo: candiani [at] zadig [dot] it

Home
Un incontro sul rapporto tra scienza e industria
22 novembre 2013

“Scienza e industria. Ricerca e innovazione in biomedicina”. Con questo titolo il Gruppo 2003 ha organizzato un incontro il 27 novembre presso l'Università Bocconi di Milano mettendo il tema del nodo del trasferimento in clinica e in prodotti industriali della ricerca medica di base. Un passaggio, com'è noto, complesso e irto di difficoltà e inerzie che di fatto impediscono in Italia di dare pieno seguito industriale alleimpotanti ricerche pure nel nostro paese continuano a svolgersi.

In tutto il mondo vengono sviluppate strategie ad hoc allo scopo di accompagnare e favorire il trasferimento della ricerca biomedica nell’attraversamento di questa “Death Valley”. Nel nostro Paese il collo di bottiglia è patologicamente ristretto. Ad esempio, fatta 100% la Germania, l’Italia è al 75% per la voce ricerca fondamentale (quali le citazioni scientifiche), mentre è solo al 19% per la voce trasferimento (quello costituito dai brevetti).

Alla radice di questo grande limite del sistema Paese vi sono fattori diversi, di tipo culturale e strutturale, che hanno a che fare con i meccanismi di valorizzazione della ricerca accademica, la struttura industriale del paese e i meccanismi fuorvianti di promozione dell’interazione accademia-industria da parte di strutture pubbliche.

L’incontro, il secondo dei Dialoghi di Scienza del Gruppo2003, si propone di approfondire i motivi della difficoltà di dialogo fra ricerca di base e trasferimento clinico e industriale nel settore biomedico, proponendo soluzioni, ove possibile, concrete.

Scienza e industria. Ricerca e innovazione in biomedicina

mercoledì 27 novembre, dalle 16 alle 19.30

Università Bocconi, Aula 202, via Sarfatti 25, Milano

Parteciperanno:

Tito Boeri Prorettore per la ricerca, Università Bocconi, Milano
Giovanni Dosi Dipartimento di Economia, Scuola Superiore Sant' Anna, Pisa
Alberto Mantovani Università degli Studi di Milano - Direttore Scientifico Istituto Clinico Humanitas, Milano
Luigi Nicolais Presidente Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma
Riccardo Patacchini Project Leader Drug Discovery - Corporate Drug Development Chiesi Farmaceutici, Parma
Rino Rappuoli Global Research Novartis Vaccines and Diagnostics, Siena
Alessandro Sidoli Presidente Assobiotec, Milano

La partecipazione è gratuita, ma è obbligatoria l'iscrizione. Per iscriverti, compila il modulo che si trova in questa pagina.

 

Online il corso FAD sull'allattamento al seno
31 ottobre 2013

E' online sulla piattaforma GOAL il corso di formazione a distanza Incentivare l'allattamento al seno come strategia di promozione della salute, che nasce dalla collaborazione tra il programma Guadagnare Salute e l’iniziativa “Insieme per l’allattamento”, promossa da Istituto superiore di sanità, Unicef Italia e Asl Milano.

Zadig ha coordinato la produzione editoriale dei materiali e delle attività del corso, ha contribuito alla loro realizzazione e alla messa online sulla piattaforma e gestisce tutte le fasi dell'erogazione del corso.

Il corso è gratuito, è aperto (previa registrazione alla piattaforma) fino alla fine di aprile 2014 a tutti i professionisti sanitari ed eroga 8 crediti ECM. Inoltre, il corso è aperto, senza crediti ECM, anche alle madri che fanno parte di gruppi di sostegno tra pari attivi nel territorio e possono offrire un supporto efficace ai bambini, alle madri e alle famiglie.

Per registrrsi alla piattaforma GOAL e per accedere al corso, cliccare qui.

formazione
Un Caffè scienza sulla ricerca scientifica a Milano
30 ottobre 2013

Milano è al centro della ricerca scientifica italiana. Le sue università e i centri di ricerca lavorano quotidianamente con l'Europa nell'ambito di progetti internazionali. Insieme alla moda e al design, la ricerca è dunque una eccellenza cittadina che ci apre al mondo e che può rappresentare una leva importante anche per il rilancio del paese. Nel contempo però importanti centri di ricerca chiudono o si ridimensionano, e notizie contrastanti fanno temere per i finanziamenti pubblici alla ricerca di base e sanitaria.

Nell'incontro - una iniziativa promossa da Scienceonthenet, Gruppo 2003 e Caffè della scienza con la collaborazione e il patrocinio del Comune di Milano - verrà presentato uno studio di Scienceonthenet sul grado di internazionalizzazione della ricerca milanese, alla luce del quale individuare nuove strategie di sviluppo e rafforzamento del patrimonio scientifico e tecnologico milanese e lombardo.

La scienza alla milanese
Internet talk-show con i protagonisti della ricerca scientifica a Milano

Mercoledì 6 novembre 2013  - Urban Center – Galleria Vittorio Emanuele  |   ore 18-20

Parteciperanno:

Cristina Tajani Assessore alla Politiche del Lavoro Sviluppo Economico Università e Ricerca del Comune di Milano
Mario Melazzini
Assessore alle Attività Produttive, Ricerca e Innovazione, Regione Lombardia
Gian Luca Vago
Rettore dell'Università degli Studi di Milano
Cristina Messa
Rettore dell'Università degli Studi Milano Bicocca
Graziano Dragoni
Direttore Generale del Politecnico di Milano
Tito Boeri
Prorettore dell’Università Commerciale L. Bocconi
Carlo Mango
Direttore dell’Area Scientifica di Fondazione Cariplo
Franco Brezzi
Gruppo 2003 per la Ricerca Scientifica
Anna D'Amato
Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma
Tullio Antonio Maria Tolio
Direttore dell'Istituto Tecnologie Industriali e Automazione - Consiglio Nazionale delle Ricerche, Milano

Modera Luca Carra (Scienceonthenet)

L'ingresso è libero.

I trial clinici in un film di animazione
24 ottobre 2013

E' pronto il film di animazione “Clinical research” del progetto europeo ECRAN (European Communication Research Awareness Needs) a cui Zadig partecipa per sviluppare il sito internet e il piano di comunicazione.

Il film, realizzato dallo studio Bozzetto con il supporto di Rai-SuperQuark e doppiato in 23 lingue, narra in pochi minuti l'avventura del medico di bordo scozzese James Lind, che nel 1747 trovò una cura per lo scorbuto grazie a un esperimento oggi riconosciuto come uno dei primi studi clinici.

Il film è visualizzabile sulla pagina dedicata del sito internet di ECRAN.

Un Caffè scienza per festeggiare il Nobel 2013 per la fisica
22 ottobre 2013

Il Caffè scienza, promosso con la collaborazione e il Patrocinio del Comune di Milano, è una iniziativa di Scienceonthenet, Gruppo 2003 e Caffè-Scienza Milano perché la città vuole tributare un omaggio alla fisica e alle sue straordinarie conquiste di questi anni: dalla scoperta del Bosone di Higgs presso il grande acceleratore LHC di Ginevra alla fotografia dell'Universo primordiale scattata dalla sonda spaziale Planck.

In entrambi i progetti internazionali è cospicua la presenza dei ricercatori italiani, fra cui molti milanesi. Una ragione in più per incontrare alcuni dei protagonisti di queste ricerche.

Ci racconteranno come l'esplorazione scientifica stia letteralmente ridisegnando l'idea dell'universo in cui viviamo. Parleremo dell'età del Cosmo, del Big Bang, della materia oscura, delle simmetrie del vuoto... Ma anche di come funzionano quelle grandi “macchine” internazionali che sono oggi i progetti di ricerca, e come è la vita del ricercatore.

Fra bosoni e galassie: Milano festeggia il Nobel 2013 per la fisica
Talk-show con gli esploratori del terzo millennio

Giovedì 24 ottobre 2013  - Urban Center – Galleria Vittorio Emanuele  |   ore 18-20

Parteciperanno:
Aniello Mennella, Università degli Studi di Milano
Luigi Guzzo, INAF, Osservatorio di Brera, Milano
Marcello Fanti, INFN e Università degli Studi di Milano
Luigi Moroni, INFN e Università di Milano Bicocca
Paolo Magliocco, giornalista scientifico

Modera Daniele Balboni (Caffè-Scienza Milano)

L'ingresso è libero. E' consigliata l'iscrizione su http://www.scienzainrete.it

Per informazioni rivolgersi a:
Daniele Balboni
mail: infocaffe [at] caffescienzamilano [dot] it
Cell. 3928428843

La lezione sorridente di Romeo Bassoli
16 ottobre 2013

romeo bassoli
Caro Romeo, quanta strada fatta insieme. E certo non sarebbe stata la stessa strada senza di te, con la tua umanità, il tuo inconfondibile umorismo e “freddurismo”, la tua passione per la scienza, la tua ispirazione giornalistica, che non poteva venir meno nemmeno nel raccontare con coraggio e delicatezza su Facebook la malattia che alla fine ti ha portato via.

A Romeo Bassoli (1954-2013) si deve buona parte del giornalismo scientifico in Italia. Portato dalla natale Sesto San Giovanni da Luigi Berlinguer a Roma a occuparsi di Scuola per l'Unità negli anni settanta, Romeo si trovò a inventare dal nulla la mitica pagina scientifica del quotidiano del PCI nel 1987, che resistette dodici anni, fino al 1999, anno in cui le mode del momento la sacrificarono.

Socio di Zadig, dove si inventò brillanti iniziative come “Lanci”, Romeo Bassoli diventò poi nel 2008 capo ufficio stampa dell'Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN). E si vide subito in termini di impatto e vivacità della comunicazione delle straordinarie scoperte della fisica delle particelle di questi anni.

Ha insegnato la comunicazione della scienza a generazioni di giovani.

L'ultima sua fatica è il libro scritto con Luciano Maiani, “A caccia del Bosone di Higgs”. E già scorrendo i titoli degli altri suoi libri ci si può forse fare un'idea dello spirito che lo contraddistingueva: dalla “Luna di ottobre. Come lo Sputnik cambiò il mondo” (con Federico Ungaro, 2007), a “Portiamo anche i bambini. Viaggiare con i figli senza rovinarsi le vacanze” (1997). Da  “Il bue oltre la siepe. Il benessere animale nell'equilibrio uomo/natura” (1996), a "I nuovi adolescenti. Radiografia di un'età dimenticata" (con Eva Benelli, 1995). Per giungere al primo “Fiabe delle Asturie” (1989).

Quando lo si chiamava spesso rispondeva con l'ormai leggendario “Nuotiamo con vigore”. E così ce lo immaginiamo - stretti alla compagna Eva Benelli e ai figli - che si allontana da noi, a grandi bracciate, con la sua bella barba e il suo sorriso.

Ecco come raccontava su Janus la sua malattia.

Home
È nata la prima app targata Zadig
24 settembre 2013

“La mia voce” è una app di comunicazione assistita per tablet e smartphone, realizzata da Zadig con la sponsorizzazione della Merck Serono SpA.
È uno strumento efficace per aiutare chi si trova senza voce o ha difficoltà a parlare – per esempio perché affetto da tumori della testa o del collo – a esprimere le proprie emozioni e a comunicare le proprie necessità e difficoltà.
Attraverso un gran numero di icone e la possibilità di introdurre facilmente delle personalizzazioni, "La mia voce" è in grado di rispondere in modo efficace alle esigenze quotidiane di queste persone.
Zadig ha progettato l'applicazione, ha coordinato lo sviluppo del progetto informatico, grafico e audio e la pubblicazione dell'app su AppStore e GooglePlay; inoltre, ha progettato e realizzato i video tutorial, la pagina web dedicata e l'opuscolo di presentazione.
La app si può scaricare gratuitamente su App Store (per iPhone e iPad) e Google Play (per smartphone e tablet Android).
Per saperne di più, guarda la pagina del progetto e la pagina dedicata alla app su questo sito.

Buon compleanno Zadig!
26 luglio 2013

Nel 2013 Zadig taglia il traguardo dei 20 anni di attività. Vent'anni dedicati  all'informazione, alla comunicazione e alla formazione,  lungo un solco  che privilegia  l'approccio critico e l'accessibilità dell'informazione.

Principi, questi, che nascono con Tempo Medico, il giornale che ha rivoluzionato il modo di fare informazione in medicina e dal quale è partita e si è sviluppata l'attività di Zadig. La testata, insieme a Occhio Clinico (altra rivista realizzata da Zadig), ha lasciato in eredità un'identità e un metodo che caratterizza  la produzione di Zadig in tutti gli ambiti.

La nostra comunicazione oggi ha come partner molte istituzioni scientifiche e sanitarie, con le quali la collaborazione è sempre stata stretta, ma nonostante la crisi delle pubblicazioni su carta, Zadig continua a sviluppare progetti editoriali di informazione al pubblico e ai professionisti, soprattutto attraverso gli strumenti del web, dei nuovi media e del data journalism. La nostra peculiarità è di coniugare in un solo team le competenze scientifiche, giornalistiche e tecnologiche necessarie per progettare, realizzare e gestire progetti complessi, come per esempio Scienceonthenet. La stessa miscela di competenza permette a Zadig di svolgere una attività di formazione a distanza che raggiuge grandi numeri di professionisti  e senza il sostegno di sponsor, ma in collaborazione con enti e istituzioni.

In tutti questi ambiti Zadig ha sempre adottato una tipologia di lavoro ad hoc, realizzando prodotti “di sartoria”, adattati cioè alle esigenze del singolo interlocutore,

Oggi come agile struttura di riferimento e sostegno per un esteso network di professionisti, Zadig si prepara ad affrontare i prossimi 20 anni consapevole di poter difendere la propria indipendenza solo ricercando nuove soluzioni e modalità di informazione, anche grazie alla partecipazione a progetti di ricerca europei e italiani.

Tanti auguri a noi!


Home
È nato Azioni quotidiane
23 luglio 2013

Azioni quotidiane, giornale online di divulgazione sulle scelte salutari, ha scelto di porre l'accento su tutto quello che per ognuno di noi è possibile fare nell'arco della giornata per mettere in pratica quei comportamenti che ci aiutano a vivere meglio e a conservarci nelle migliori condizioni di salute. Il sottolitolo "rendere facili le scelte salutari", richiama invece le decisioni che le comunità possono prendere perché le scelte quotidiane di salute non diventino un percorso a ostacoli.

Uno stile di vita attivo può essere più facilmente praticabile se le città in cui viviamo migliorano i trasporti pubblici, se gli spazi verdi sono alla portata di tutti, sicuri e ben mantenuti, se è possibile per i più piccoli fare un po' di giusto movimento sia quando vanno che quando sono a scuola, se per gli anziani e le persone sole esistono spazi che sono insieme di aggregazione e di moderata attività fisica, se per tutti è possibile, quando lo desiderano, lasciare a casa l'automobile e andare a piedi. Per questo molti contenuti di Azioni quotidiane riguardano gli ambienti urbani e i modelli di organizzazione della città e la possibilità di ripensarli. Non si tratta di traguardi irraggiungibili: lo dimostrano le centinaia di esperienze che sono già in corso in Italia e le migliaia nel mondo. Ripensare questi modelli è possibile, anche in tempo di crisi, tanti lo stanno già facendo e il sito cercherà di raccontarlo.

Che sia indispensabile farlo ce lo dicono gli esperti mondiali di salute: “rendere facili le scelte salutari” è lo slogan della strategia europea Gaining Health, tradotta in legge dello Stato italiano nel 2007 come Guadagnare Salute. La riflessione strategica su come aiutare le persone a mettere in pratica comportamenti che favoriscono la salute ha prodotto documenti importanti che fanno da cornice culturale al progetto: la Carta di Toronto sulla promozione dell’attività fisica, la Carta di Ottawa sulla promozione della salute, la dichiarazione Health in all policies, la salute in tutte le politiche.

La scommessa particolare che Zadig ha pensato per Azioni quotidiane è cercare di ripensare gli stili di vita rivolgendosi ai cittadini che già oggi hanno voglia di vivere secondo modelli che amplificano il benessere invece di deprimerlo, magari senza avere necessariamente in testa la salute, ma piuttosto il vivere bene. E rivolgendosi anche agli operatori del mondo sanitario che tanto tempo ed energie stanno investendo in questa direzione. Infine cercando di raggiungere anche i tanti, tantissimi, portatori di interesse in tutti i settori senza i quali, semplicemente, questi obiettivi non possono essere raggiunti.

Nasce Scienceonthenet con il sostegno del MIUR
03 luglio 2013

Nasce Scienceonthenet, il portale della ricerca italiana nel mondo. Il portale si prefigge di far conoscere la nostra ricerca al di fuori dei confini italiani. Un ambizioso progetto di informazione scientifica focalizzata sulla politica, la valutazione e i finanziamenti alla ricerca firmata Gruppo 2003, CNR e Zadig.

Il MIUR sostiene economicamente il progetto (Accordo di programma) per il biennio 2013-2014 nel quadro del Bando sulla diffusione della cultura scientifica (legge 6/2000).

Scienceonthenet ambisce a diventare una lettura obbligata, dentro e fuori Italia (il portale sarà in inglese) per chi vuole conoscere meglio la ricerca internazionale svolta nel nostro paese, le nostre eccellenze, le nostre opportunità di sviluppo, i nostri limiti. Sul portale un'attenzione particolare verrà riservata ai grandi programmi di ricerca internazionali, a Horizon 2020, così come alla ricerca di lavoro nella scienza, a cui è dedicato il servizio ScireJobs. Il tutto raccontato da ricercatori e giornalisti, attraverso testi, video e tanti dati, in un lavoro comune finalizzato a una crescita comune.

Cosa aspetti? Collegati a Scienceonthenet.eu e lavora con noi!

Una giuria dei cittadini sul test del PSA
21 giugno 2013

Il 14 e 15 giugno si è svolta a Modena la riunione della Giuria dei cittadini che aveva come tema il test del PSA. Il progetto è stato realizzato da PartecipaSalute (del quale Zadig è uno dei coordinatori) e promosso dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali.
La giuria doveva rispondere alla seguente domanda principale (oltre ad alcune sotto domande): Il Servizio Sanitario deve sconsigliare o consigliare il PSA come test di screening individuale per il tumore della prostata in uomini di 55-69 anni?
Nel corso delle due giornate i componenti della giuria - scelti tra i cittadini che hanno collaborato con il Laboratorio Cittadino Competente dell'AUSL Modena - si sono confrontati con esperti che hanno presentato posizioni pro e contro l’esame, hanno discusso e deliberato, con l'aiuto di un facilitatore.
Al termine della riunione la giuria ha deliberato, con 10 voti a favore e 3 contrari, che il Servizio sanitario deve sconsigliare il PSA come test di screening individuale per il tumore della prostata in uomini di 55-69 anni. Inoltre, sono state poste alcune condizioni. Il Servizio sanitario deve mettere in atto interventi di buona informazione rivolti ai medici di base (attraverso convegni, congressi, corsi) , ai cittadini e alle loro associazioni (attraverso media e campagne di sensibilizzazione); gli interventi non devono prevedere il supporto delle case farmaceutiche.
Inoltre, la giuria ha posto come condizione il pagamento del ticket per chi, dopo aver ricevuto tutte le informazioni, decide di fare il test pur essendo asintomatico. Infine, il Servizio sanitario deve promuovere stili di vita sani, che il medico deve incoraggiare attraverso prescrizione.
Il documento che riporta le motivazioni della deliberazione sarà pubblicato entro un mese.

Per approfondire, guarda la sezione dedicata sul sito Partecipasalute.

Online il nuovo corso Fadinmed
15 giugno 2013

E' disponibile sulla piattaforma Fadinmed il nuovo corso "Governo clinico: innovazioni, monitoraggio performance cliniche, formazione". Il corso eroga 20 crediti ECM e, come gli altri corsi ospitati sulla piattaforma, è completamente gratuito, grazie ai fondi stanziati dal Ministero della salute.
L'accesso ai corsi è riservato agli iscritti agli Ordini dei medici e degli odontoiatri e ai Collegi di infermieri, assistenti sanitari e vigilatrici d'infanzia/infermieri pediatrici.

formazione
Pubblicate due nuove linee guida SNLG
28 maggio 2013

Sono state pubblicate, e sono disponibili online sul sito SNLG nella sezione Linee guida nazionali, due nuove linee guida, dedicate alla diagnosi e terapie della malattia di Parkinson e al trattamento della psoriasi nell'adulto.

Zadig ha coordinato la realizzazione dei due documenti dal punto di vista editoriale e ne ha curato la redazione e la pubblicazione sul sito internet.

Zadig partner del progetto europeo ASSET
22 maggio 2013

Dopo l'avvio del progetto europeo Tell Me, che è ancora in corso, Zadig è ora partner di un nuovo progetto europeo sul tema della preparedness e della comunicazione nel corso di una pandemia di influenza, con una particolare attenzione al coinvolgimento partecipativo dei cittadini e alla loro mobilitazione attraverso i social media.

Il nuovo progetto, denominato ASSET (Action plan on Science in Society in Epidemics and Total pandemics) è stato favorevolmente valutato dalla Commissione Europea ed è attualmente in fase di negoziazione, prima dell'accordo finale. Per ASSET  è prevista la durata di 4 anni, con un finanziamento complessivo di circa 4 milioni di euro.

Il consorzio di ASSET è costituito da 16 partner provenienti da 11 diversi paesi, tra cui  organizzazioni di diverso genere: ricerca, industria, media, società civile, policy making, organizzazioni professionali, istruzione e amministrazione.

Nel quadro del progetto, Zadig sarà responsabile del work package sul tema "Comunicazione e diffusione", che prevede anche la realizzazione del portale web e la conduzione del media office. Per l'apprendimento reciproco e la mobilitazione dei cittadini nel paesi coinvolti sarà  fondamentale l'uso sistematico dei social media, attraverso un intenso programma di esplorazione, di monitoraggio e di gestione dei contenuti. Anche per questo compito il leader sarà Zadig.

Pubblicata la linea guida sull'aniridia congenita
29 aprile 2013

E' stata pubblicata la linea guida "Gestione dell'aniridia congenita", la cui realizzazione è stata curata dal Centro nazionale malattie rare dell'Istituto superiore di sanità, con il supporto metodologico del Sistema nazionale linee guida.

Zadig ha curato la redazione del documento, il cui testo completo è disponibile sul sito SNLG-ISS, nella sezione dedicata alle linee guida per le malattie rare.

Un progetto per tagliare le prestazioni inutili
18 aprile 2013

Nell'ambito del progetto Partecipasalute, del quale è tra i fondatori e membri, Zadig ha aderito a “Fare di più non significa fare meglio”, un progetto promosso da Slow Medicine, una rete di professionisti e di cittadini che promuove una medicina sobria, rispettosa e giusta.

Il progetto segue le orme dell’iniziativa Choosing Wisely in atto negli Stati Uniti, che attraverso il coinvolgimento e l’assunzione di responsabilità dei medici e la partecipazione attiva dei pazienti e dei cittadini, punta a migliorare la qualità e la sicurezza delle cure, evitando le prestazioni che si continuano a usare, pur essendo inutili e a volte anche dannose.

Ognuna delle società scientifiche e delle associazioni professionali aderenti al progetto individuerà una lista di 5 test diagnostici e trattamenti molto diffusi in Italia, che non hanno dimostrato di essere utili per la salute e che a volte possono procurare più danno che beneficio. Questi test e trattamenti dovranno essere al centro della relazione tra medico e paziente, per facilitare scelte consapevoli e informate e far passare il messaggio che in sanità a volte è meglio fare meno.

Tra le molte società scientifiche e associazioni professionali che hanno aderito ci sono: la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FMOMCeO), la Federazione Nazionale Collegi Infermieri professionali, Assistenti sanitari, Vigilatrici d'infanzia (IPASVI), la Società Italiana per la Qualità dell’Assistenza Sanitaria (SIQuAS-VRQ) e diverse società scientifiche specialistiche.

Per maggiori informazioni sul progetto, guarda l'area dedicata sul sito di Slow Medicine.

Nuovo corso sulle linee guida SNLG
05 aprile 2013

Partirà il 15 aprile 2013 il nuovo programma di formazione a distanza FAD LG, centrato sulle linee guida prodotte dal Sistema nazionale per le linee guida e mirato a favorirne l'implementazione nella pratica quotidiana.
Il programma è accessibile a tutti i profili professionali sulla piattaforma SAEPE ed eroga 15 crediti ECM.
Per il 2013 il corso prevede la lettura delle linee guida e il superamento di 8 casi clinici relativi a:

  • taglio cesareo
  • antibioticoprofilassi perioperatoria
  • tonsillectomia
  • prevenzione della trombosi legata all'uso di estroprogestinici
  • lesioni focali epatiche.

Per ottenere i crediti occorre aver superato l'80% dei casi proposti.

Per leggere la presentazione del corso, clicca qui.

formazione
Nuovi utenti per la FAD di Zadig
25 marzo 2013

L'offerta di Zadig per la formazione a distanza raggiunge anche la Marina Militare Italiana, l'Arma dei Carabinieri e le Ferrovie dello Stato, che hanno scelto di far aggiornare i propri medici e infermieri attraverso i programmi MeLA e NursingFAD, accessibili sulla piattaforma SAEPE.

formazione
Lo stato di salute nella ASL Milano 1 in un sito open data
06 febbraio 2013

E' online un sito web che permette di raccogliere informazioni sullo stato di salute della popolazione residente nei 73 Comuni della ASL Milano 1. Il portale (per visitarlo, clicca qui) - messo a punto dall’Osservatorio Epidemiologico della ASL MI1 e realizzato da Zadig nell’ottica dell’open data (cioè l'accesso libero all’informazione) - traccia uno scenario nuovo di interazione tra la pubblica amministrazione, il cittadino e tutte le forme di aggregazione di portatori di interesse.

Sul sito è possibile ottenere informazioni sulla demografia, sull'ospedalizzazione, sulle principali patologie croniche, sulla mortalità per causa e sulla incidenza di tumori. Inoltre operatori e cittadini possono accedere alle sezioni “mappe statiche” e “report”, in cui si possono scaricare documenti di approfondimento su diverse tematiche di salute.

Sullo stesso sito è completamente scaricabile il più recente Rapporto sullo stato di salute della popolazione, che analizza i ricoveri e i decessi per le principali cause.

Per approfondire, clicca qui.

Zadig è provider ECM standard
11 gennaio 2013

Zadig è diventato provider nazionale ECM standard (Albo Nazionale dei Provider FAD, ID: n. 103), a seguito del parere positivo della Commissione nazionale ECM.
Come stabilito dalla norma, l’accreditamento consente a Zadig per quattro anni di realizzare un proprio piano formativo, di assegnare direttamente i crediti ECM a ciascun programma e di erogarli rilasciando le attestazioni con valore legale.
Zadig è stato provider regionale in Lombardia e provider nazionale provvisorio da aprile 2010 e svolge attività nel campo della formazione degli operatori sanitari fin dal 2004.
Diversi programmi di formazione a distanza, che erogano crediti ECM, sono disponibili sulla piattaforma SAEPE.

formazione
Due progetti europei per Zadig
04 dicembre 2012

Zadig partecipa a due progetti della Commissione europea, all'interno di una rete di partner di diverse nazioni.
Tell Me è un progetto collaborativo che coinvolge esperti di varie discipline con l'obiettivo di sviluppare modelli di comunicazione del rischio efficaci in caso di epidemie di malattie infettive, in particolare le pandemie influenzali. Zadig si occupa della disseminazione dei risultati, del coordinamento con progetti simili, della costruzione di una rete di organizzazioni e agenzie internazionali interessate e della promozione dell'applicazione pratica delle conoscenze acquisite nell'ambito del progetto.
Per saperne di più, leggi la scheda del progetto.

Il secondo progetto, ECRAN (European Communication Research Awareness Needs), coordinato dall'Istituto Mario Negri di Milano, punta a promuovere l’informazione sulla ricerca clinica indipendente. Zadig si occupa della realizzazione del sito internet, di un film d’animazione sulle sperimentazioni cliniche e dello sviluppo del piano di comunicazione.